Home arrow Informazioni sull'Egitto
11 Lug, 2020 at 07:56
Select Language
EnglishFrançaisDeutschItalianoEspañol
Home
Info & News
Itinerari
La nostra Flotta
Nostri amici
Parlano di noi...
Multimedia
Contatti
Site Admin.

179-ita


fdive

ameliewebsite


europhoto

Informazioni sull'Egitto PDF Print E-mail
 
Repubblica Araba d'Egitto
Flag_of_Egypt_svg
Coat_of_arms_of_Egypt_svg
250px-LocationEgypt_svg
Lingua ufficiale
Arabo
Capitale
Il Cairo
30°3'0"N, 31°15'0"E
Più grande cità
Il Cairo
Governo
 - Presidente
Repubblica presidenziale
Hosni Moubarak
Superficie
 - Totale
 - Aqua (%)
Classificato 30°
995 450 km²
0,6 %
Popolazione
 - Totale (2006)
 - Densità
Classificato 15°
78 887 007 hab.
75,1 hab./km²
Indipendenza
 - Data
Dal Regno Unito
28 febbraio 1922
Valuta
Lira egiziana (EGP)
Fuso orario
UTC +1 o +2 (DST)
Hymne national
Bilady, Bilady, Bilady
Internet TLD
.eg
Prefisso
telefonico
+20

La Repubblica Araba d'Egitto, dove con Misr (si intende l'Egitto), è uno Stato del Nord Africa. Include la Penisola del Sinai, il che rende l'Egitto un paese che fa parte anche dell'Asia. La principale parte abitata del paese si estende ai lati del fiume Nilo. Vaste aree dell'Egitto sono coperte dalle sabbie del Sahara e sono disabitate.
L'Egitto confina ad ovest con la Libia, a sud con il Sudan, ad est con il mar Rosso ed Israele e a nord con il mar Mediterraneo. La capitale è Il Cairo.

STORIA
L'Egitto ha una storia lunghissima, risalente ad oltre 3 millenni prima di Cristo.
La valle del Nilo forma da sempre un'unità geografica ed economica, circondata com'è da deserti ad Est e ad Ovest, al Nord dal mare e a Sud dalle cateratte del Nilo.
La necessità di avere una singola autorità che gestisse le acque del Nilo portò alla creazione di uno dei primi Stati della storia del mondo, intorno al 4000 a.C., ma forse anche prima. Questa esigenza fece sì che le tribù nilotiche imparassero a vivere assieme sotto l'autorità di capi villaggio (detti, poi, dai Greci nomarchi). Attraverso alterne vicende, sviluppatesi per circa mille anni, i nomarchi scontrandosi ed alleandosi tra loro dettero infine forma a due Regni, l'Alto Egitto al Sud e il Basso Egitto al Nord, che vennero unificati in uno solo da Narmer, considerato il fondatore della I dinastia.
Quando, infine, l'Egitto fu sottomesso dai Persiani, non riuscì più a liberarsi dal dominio straniero, e per 2.300 anni fu governato da: Persiani, Greci, Romani, Bizantini, Arabi, Armeni, Curdi, Turchi e Britannici.
Il presidente Gamal ‘Abd al-Nasser disse di essere il primo Egiziano nativo ad esercitare il potere sovrano sull'Egitto, dai tempi dell'ultimo sovrano Nectanebo II, deposto dai Persiani nel 341 a.C., e non si trattava di un'esagerazione.

POPOLAZIONE
L'Egitto, con i suoi quasi 80 milioni di abitanti è lo stato più popoloso del Medio Oriente e il secondo stato più popoloso dell'Africa. Quasi tutta la sua popolazione è concentrata lungo il corso del Nilo, nell'area del suo delta e nell'area intorno al canale di Suez. Agli Egiziani urbani, residenti nelle metropoli di Cairo e Alessandria, si contrappongono gli egiziani rurali (fellahin). La popolazione totale e l'urbanizzazione sono molto aumentate nel XX secolo, grazie ai progressi sanitari e alla rivoluzione verde.
L'islam è la religione dello Stato, peró la libertà di fede è ufficialmente assicurata Quasi il 90% della popolazione è di fede musulmana; del rimanente il 10% sono cristiani; la popolazione cristiana è nella quasi totalità composta di Copti.

IDENTITÀ
La valle del Nilo fu sede di una delle più antiche civiltà del mondo, con lingua e religione proprie, che durò per tre millenni. Dopo il 343 a.C. l'Egitto cadde sotto una serie di dominazioni straniere (Ellenismo, Impero Romano, Impero Bizantino, Arabi, Mamelucchi, Impero Ottomano, Impero britannico), ciascuna delle quali lasciò la sua impronta sulla cultura locale. L'identità egiziana è evoluta in questi due millenni facendo spazio a due nuove religioni (Cristianesimo e Islam) e ad una nuova lingua, l'arabo e il suo discendente orale, l'arabo egiziano.
La misura in cui i singoli egiziani si identificano con ciascuno strato della storia della nazione, che ne articola l'identità collettiva, può variare. Le questioni identitarie sono emerse negli ultimi duecento anni, quando l'Egitto mirò a liberarsi da ogni occupazione straniera, sotto forma di tre ideologie principali:
• il nazionalismo egiziano, etno-territoriale e spesso liberale, il primo a svilupparsi, già nel XIX secolo, e dominante fra gli intellettuali e gli attivisti anti-colonialisti fino ai primi decenni del XX secolo;
• il nazionalismo arabo o panarabismo, laico e a volte con venature socialiste, che appare alla fine del XIX secolo in funzione anti-turca e raggiunge il culmine nell'era di Gamal Abdel Nasser

CLIMA
Il clima egiziano si presenta di tipo desertico su quasi tutto il Paese, eccezione fatta per la zona mediterranea dove esso è più temperato. Gli inverni sono miti, anche se non mancano gelate invernali nel deserto, dovute alle forti escursioni termiche tra il giorno e la notte. Le estati sono molto calde e secche, e le temperature raggiungono molto facilmente i 43-45°C, con punte di oltre 50°C in pieno deserto. La zona più "fresca" del Paese in estate è quella delle coste mediterranee, avvantaggiata dalle brezze marine che rendono più sopportabile la calura. Le precipitazioni sono molto scarse, soprattutto nelle zone interne sahariane, dove può non piovere per molti mesi.
L'Egitto ha pochissimi fiumi. Il Nilo è l'unico degno di essere chiamato tale, anche perché è il più lungo al mondo. Esso nasce dai Grandi Laghi africani, nella zona centrale del continente, e nel suo ultimo tratto attraversa da sud verso nord la parte orientale dell'Egitto. Il Nilo è stato di vitale importanza per il fiorire delle antiche civiltà, e lo è ancor oggi poichè è una fonte inesauribile di acqua per l'irrigazione dei campi. Senza di esso l'Egitto sarebbe un'isolata landa desertica senza vita, poichè si trova su uno dei territori più aridi del deserto sahariano, il Deserto Libico, poverissimo di oasi.



1st Choice Web Design & Hosting |